Monthly Archives: September 2020

Peter Brandt, lenda do comércio, compartilha seus pensamentos sobre casos de uso do Bitcoin

Published Post author

Conteúdo

  • A Lei de Gresham e Bitcoin
    O Bitcoin não está pronto para ser uma moeda de reserva

Em um recente tópico no Twitter, a lenda comercial Peter Brandt diz que vê Bitcoin como uma loja de valor junto com ouro e prata.

Na verdade, ele está convencido de que não faz sentido que os detentores de metais preciosos não tenham uma posição na Bitcoin.
A Lei de Gresham e a Bitcoin

A adoção do Bitcoin como dinheiro digital tem sido um obstáculo devido a seus problemas de escala e volatilidade.

Outro grande obstáculo é algo que se chama lei de Gresham, que afirma que o dinheiro ruim tende a expulsar o dinheiro bom. Em essência, a maioria dos portadores de Bitcoin não estão dispostos a gastar suas moedas por causa de seu potencial de crescimento.
Gresham

O CEO da MicroStrategy Michael Saylor, cuja empresa fez recentemente uma audaciosa rede de $425 milhões de Bitcoin, não se importa se se pode comprar uma pizza com o criptograma superior, alegando que não precisa ser um meio de troca.

Devido à sua escassez e descentralização, a Bitcoin é agora comercializada como uma loja de valor (SoV) que pode rivalizar com o ouro.

A portabilidade da Bitcoin, sua divisibilidade e sua tendência a apreciar com o tempo fazem dela um SoV ainda mais atraente do que o metal amarelo. Entretanto, insetos do ouro como Peter Schiff sustentam que a moeda laranja não tem valor intrínseco.

O ouro tem sido o último SoV por milhares de anos, o que certamente infunde confiança em seus investidores. O Bitcoin, por outro lado, tem muito o que provar.

A Lenda Comercial Relacionada Peter Brandt Levanta Críticas

Relacionado
A lenda do comércio Peter Brandt lança a crítica do cabo

O Bitcoin não está pronto para ser uma moeda de reserva

Como a inflação está representando uma ameaça crescente ao status do dólar como a maior moeda de reserva do mundo, tem havido apelos para que sua alternativa surja.

No entanto, Brandt acredita que Bitcoin ainda não está pronto para abraçar este papel. Como relatado por U.Today, ele previu que o cripto não faria parte de uma unidade de reserva global apoiada por cestas.

28. September 2020

BITCOIN SUPERA I $10.500 MENTRE LA RIPRESA RIALZISTA CONTINUA: COSA VIENE DOPO?

Published Post author

  • Bitcoin ha rimbalzato tra i 10.000 e i 10.500 dollari negli ultimi giorni.
  • Sia i compratori che i venditori hanno cercato di affermare la loro posizione dominante, con il risultato di molteplici prove di entrambi i confini della gamma.
  • La BTC ha finalmente superato i 10.500 dollari solo pochi minuti fa.

La principale moneta criptata ha avuto una bella storia con 10.500 dollari.
Il Bitcoin è stato respinto più volte da quel livello negli ultimi 12 mesi.
Gli analisti sono ottimisti, ma vale la pena notare che questo è un rally del fine settimana.
I raduni del fine settimana spesso ripercorrono la storia dei futures dell’ECM.

BITCOIN SI ROMPE OLTRE I 10.500 DOLLARI

Bitcoin comincia a svegliarsi dopo il consolidamento in un range di 500 dollari negli ultimi cinque giorni. La principale moneta criptata di pochi minuti fa ha superato i 10.500 dollari per la prima volta in molti giorni in una candela da 100 dollari che è arrivata sul retro delle liquidazioni.

Secondo Skew.com, un inseguitore di derivati crittografici, circa 6 milioni di dollari sono stati liquidati durante la mossa di Bitcoin più alta. Questo è stato solo per il mercato BTC di BitMEX, il che significa che probabilmente altri milioni sono stati liquidati.

Anche altri mercati, come quelli dell’Ethereum e di altri altercoins, hanno probabilmente visto milioni di liquidazioni mentre si spostavano più in alto.

COSA C’È DOPO PER LA BTC?

Gli analisti sono ottimisti su ciò che viene dopo per Bitcoin.

Un crypto trader ha condiviso il grafico qui sotto, che mostra la recente azione dei prezzi delle ultime settimane. L’indicatore proprietario del trader ha appena formato un segnale di acquisto sulla candela giornaliera; questo segnale è stato visto per l’ultima volta alla fine di luglio, nei bassi $9.000.

L’indicatore ha anche formato un segnale di vendita appena due giorni prima del flash dump dai massimi di $12.000 a $10.000.Il grafico indica anche che il Bitcoin ha rimbalzato in modo pulito su un livello di tendenza mensile, che è rialzista. Mostra anche che BTC è in esecuzione contro un trend settimanale, però, suggerendo che i tori hanno ancora un po ‚di lavoro da fare.

Un altro trader che ha previsto il ritracciamento in corso ha anche suggerito che ci sono pochi motivi per cortocircuitare Bitcoin da qui. Ha suggerito che la moneta potrebbe avvicinarsi „a 11.000 dollari“, che è dove si trova il prossimo notevole livello di resistenza.

22. September 2020

L’actionnaire de MicroStrategy ‚Oil Fund‘ détient indirectement plus de 6 millions de dollars de Bitcoin

Published Post author

Le fonds de pension du gouvernement norvégien (fonds pétrolier) détient indirectement des Bitcoins
Le plus grand fonds souverain détient environ 1,51% du capital de MicroStrategy
BlackRock et Vanguard Group détient également un pourcentage important de la société
Oil Fund, officiellement connu sous le nom de Government Pension Fund Global, détient désormais indirectement plus de 6 millions de dollars de Bitcoin pour être l’un des actionnaires de MicroStrategy. Cela fait suite aux récents Bitcoins acquis par la société d’intelligence d’affaires en tant que principal actif de réserve.

Oil Fund possède près de 600 Bitcoin

Selon le rapport d’Arcane Research, une plate-forme d’analyse et de recherche sur les crypto-monnaies, le Fonds pétrolier détient environ 1,51% de participation dans MicroStrategy. Cette position confère à la Caisse de retraite du gouvernement, un total de 577,6 BTC , à la suite de la récente acquisition de Bitcoin Machine réalisée par MicroStrategy.

Conformément au prix du Bitcoin à 10965 $, le Norwegian Oil Fund détient indirectement 6,3 millions de dollars via sa participation dans MicroStrategy. Outre son investissement dans la société de veille économique, le fonds de pension du gouvernement norvégien détiendrait plus de 1 billion de dollars d’actifs. Il possède également 1,4 pour cent de toutes les actions et actions dans le monde. Pour cette raison, il a été nommé le plus grand fonds souverain du monde.

Réserve MicroStrategy Crypto

Plus tôt en août, Cryptopolitan a rapporté que MicroStrategy avait ouvert une réserve de crypto – monnaie soutenue par Bitcoin, la plus grande crypto-monnaie par capitalisation boursière. À l’époque, la société avait initialement acheté 21 454 BTC, d’une valeur de plus de 200 millions de dollars. Plus tard le 15 septembre, la société a augmenté la réserve de crypto- monnaie avec 16796 BTC supplémentaires achetées à un prix total de 175 millions de dollars.

Dans l’ensemble, MicroStrategy a 38250 BTC dans sa réserve cryptographique. Outre le Norwegian Oil Fund, d’autres entités comme BlackRock et Vanguard Group ont également été exposées à Bitcoin via leur participation dans MicroStrategy.

La société américaine mondiale de gestion des investissements, BlackRock, détient indirectement 5829,3 BTC en raison de sa participation de 15,24% dans la société. L’autre société d’investissement, Vanguard Group, rapporte 4482,9 BTC via sa participation de 11,72% dans la société d’intelligence d’affaires.

21. September 2020

GLI ANALISTI SI ASPETTANO CHE IL BITCOIN SI IMMERGA NEI PRINCIPALI „CLUSTER DI LIQUIDITÀ“ PRIMA DEL RALLY

Published Post author

  • Bitcoin sta affrontando una certa azione di prezzo misto come di recente, con acquirenti e venditori entrambi impegnati in un’accesa battaglia per il controllo delle sue prospettive a breve termine
  • Nonostante il tentativo di rompere al di sotto del suo ultimo sostegno tra i 9.900 e i 10.000 dollari, BTC sta ora spingendo verso la sua regione chiave di resistenza da 11.000 dollari.
  • Dove le prossime tendenze della crittovaluta possono dipendere in gran parte dalla sua reazione a questo livello
  • Un trader ritiene che Bitcoin possa prima eliminare un „cluster di liquidità“ che si aggira intorno ai $10.600 prima che possa salire di livello superior
  • Se questo calo dovesse verificarsi, consentirebbe anche a BTC di ritestare la sua media mobile a 50 giorni

La Bitcoin è attualmente stabile nella regione dei 10.000 dollari, con una combinazione di debolezza del mercato azionario e forte resistenza a 11.000 dollari, rallentando la sua ascesa. L’attuale stabilità della cripto-valuta si avvicina sulla scia della sua forte spinta dalla regione inferiore a 10.000 dollari, che ha scoperto una forza significativa tra gli acquirenti del cripto.

Se è in grado o meno di mantenere il suo slancio e frantumare la resistenza tra $11.000 e $11.100 può dipendere in gran parte dalla sua reazione ad una regione di prezzo chiave appena al di sotto della quale è attualmente in commercio.

Un analista sta indicando un „cluster di liquidità“ a 10.600 dollari come obiettivo a breve termine, osservando che una visita a questo livello eliminerebbe questa liquidità e permetterebbe a BTC di testare il suo EMA a 50 giorni.

La confluenza di questi fattori potrebbe quindi consentirgli di riprendere la sua tendenza al rialzo e di superare gli 11.000 dollari.

LO SLANCIO DI BITCOIN SI BLOCCA DOPO IL RIFIUTO DI 11.100 DOLLARI

Al momento della scrittura, Crypto Cash è in calo di poco più dell’1% al suo attuale prezzo di 10.800 dollari.

La criptovaluta è stabile intorno al suo attuale livello di prezzo, ma sia i suoi tori che gli orsi stanno raggiungendo un’impasse mentre lotta per ottenere un ulteriore slancio.

Sembra che la debolezza del mercato azionario possa contribuire a questo, dato che tutti gli indici di riferimento sono attualmente negoziati al ribasso tra l’uno e il due per cento.

ECCO COME I BTC POSSONO SCENDERE AL RIBASSO PRIMA DI SALIRE AL RIALZO

Parlando delle prospettive a breve termine della cripto-valuta, un trader ha spiegato che sta osservando un calo della liquidità e dell’EMA a 50 giorni che si attestano entrambi intorno ai 10.600 dollari.

„È stato davvero un buon punto per ottenere un profitto. Quel raggruppamento di liq a 10600 probabilmente ora viene eliminato. Sarebbe una bella riprova anche per il 50EMA“.

Dove le prossime tendenze Bitcoin potrebbero essere in qualche modo influenzate dai mercati tradizionali, ma non c’è dubbio che la sua ardente difesa di 10.000 dollari ha incrementato le sue prospettive tecniche.

18. September 2020

L’analista più popolare prevede il ritiro di Bitcoin a $9.000, rialzista sul progetto DeFi AMPL

Published Post author

-L’analista di crittografia Nicholas Merten prevede che il bitcoin si ritirerà a 9.000 dollari a breve termine.

-Merten è rialzista sul progetto DeFi Ampleforth, dicendo che supererà le prestazioni degli altri altcoin.

Il popolare analista di crittografia Nicholas Merten prevede un ritiro in avanti per bitcoin, mentre dice di essere rialzista sulle prospettive dei progetti di finanza decentralizzata (DeFi) come Ampleforth (AMPL).

Parlando nell’ultimo episodio di Data Dash, Merten ha detto che il mercato attuale sembra ribassista per il bitcoin nel prossimo futuro. Mentre l’analista rimane rialzista sulle prospettive a lungo termine del bitcoin, ha previsto un pulllback per BTC a 9000 dollari, mentre testa il supporto della resistenza precedente.

Ha detto,

Quello che stiamo vedendo in questo momento è qualcosa che in un certo senso temevo per Bitcoin. Non è niente di male a lungo termine, è solo qualcosa a breve termine.

Merten ha definito il ritiro una „cosa buona“, notando che dà agli investitori l’opportunità di costruire una posizione più ampia in Bitcoin. L’eminente analista ha ribadito la sua posizione rialzista sulla performance a lungo termine del bitcoin, confrontandola con il recente percorso dell’oro verso i massimi di tutti i tempi.

Ha continuato,

L’oro aveva un caso molto simile….. Una gamma a lungo termine, livelli di supporto più alti, punti di resistenza, e quello che vediamo qui è il prezzo che si rompe al di sopra di quella linea di resistenza, scendendo e rendendola di supporto, per poi dare il via al prossimo rally e raggiungere i massimi di tutti i tempi nell’ultimo anno e mezzo.

Merten ha indicato agli investitori le opportunità a breve termine nel mercato DeFi, dicendo che ampleforth (AMPL) sarebbe stato uno dei migliori performer durante il ritiro di bitcoin. Ha detto che l’AMPL e altri progetti DeFi di alto livello stavano iniziando a fare „grandi mosse“ e a stabilire le basi per nuovi rally dei prezzi.

Ha concluso,

Penso che sarà una bella corsa sostanziale fino a qui, con il limite del mercato, quando inizieremo a fissare alti e bassi più alti.

17. September 2020

BTC hat diese Woche das gesamte Lightning Network erhöht

Published Post author

Die in DeFi eingeschlossene BTC hat diese Woche das gesamte Lightning Network um das 20-fache erhöht

Trotz des jüngsten Mini-Preissturzes haben DeFi-Benutzer in der letzten Woche mehr als 20.000 Bitcoin in DeFi-Projekte injiziert, was darauf hindeutet, dass der DeFi-Bullrun noch nicht vorbei ist.

Der in dezentralen Finanzprojekten gebundene BTC-Betrag ist in der vergangenen Woche um mehr als 30% gestiegen, obwohl die Preise für Bitcoin (BTC) und Ethereum (ETH) gefallen sind.

Der gesperrte Gesamtwert in USD (TVL) kann mit bei Immediate Edge den Märkten steigen und fallen, selbst wenn sich die Anzahl der gesperrten Token nicht ändert. In der vergangenen Woche fiel die TVL von einem ATH von 9,6 Mrd. USD am 2. September auf 6,11 Mrd. USD am 10. September, bevor sie wieder auf 7,82 Mrd. USD stieg.

Nach Angaben der DeFi-Verfolgungsplattform DefiPulse stieg der Betrag der gesperrten BTC von 67.038 BTC (694 Millionen Dollar) am 2. September auf das aktuelle Allzeithoch von 87.752 BTC (904 Millionen Dollar), was einem Anstieg von 30,9% entspricht. Das ist ein Anstieg, der dem 20-fachen der im Lightning Network gesperrten BTC entspricht.

Mehr als 50% (51.295 BTC) der gesperrten BTC befinden sich auf Ethereum im WBTC, was 63% des BTC-Wachstums seit dem 2. September ausmachte, wodurch weitere 13.000 BTC im Netzwerk gesperrt wurden.

RenVM, das den Nutzern auch die Möglichkeit bietet, ihr BTC auf Ethereum zu tokenisieren, hält 17.630 BTC gesperrt, was einem Zuwachs von mehr als 2.500 BTC seit Anfang des Monats entspricht.

Was genau heißt das?

Im Gegensatz dazu macht das Lightning Network von Bitcoin nur 1,2% (1.061 BTC) der gesamten in DeFi gesperrten BTC aus. Die im Lightning Network gesperrte BTC wuchs im September bisher nur um 4 BTC oder weniger als 0,02% des Gesamtwachstums der BTC.

Die 198 BTC, die dem Lightning Network seit Anfang des Jahres hinzugefügt wurden, stellen ein Wachstum von 23% dar und werden durch die Aufnahme von über 50.000 BTC durch das WBTC laut Immediate Edge in diesem Jahr in den Schatten gestellt, was einem Wachstum von über 8600% entspricht.

Obwohl 600.000 Ether aus den DeFi-Protokollen entfernt wurden, liegt Bitcoin immer noch weit abgeschlagen auf dem zweiten Platz. Sie macht weniger als die Hälfte des Wertes von 2 Milliarden USD der 5,6 Millionen verschlossenen Münzen von Ethereum aus. Insgesamt sind jetzt fast 5 % der im Umlauf befindlichen Ethereum-Münzen in DeFi gesperrt.

12. September 2020